Come usare un operatore logico e vivere felice

formazione nocera umbra

Vivere felici di questi tempi in Umbria non é facile ma con formazione Nocera Umbra cercheremo di capire come gestire ed esercitare controllo su questa situazione. L’uso delle espressioni logiche combinate alle espressioni di comparazione danno luogo a un risultato vero o falso che innescano a loro volte istruzioni specifiche. Quindi AND , NOT e OR cioé &&, ||, !; un operatore AND produce un valore true se entrambi i lati dell’ espressione sonoi veri. L’operatore OR produce un valore true se uno dei due lati di una espressione é vera. L’operatore NOT inverete il valore booleano. Questi operatori quando sono utilizzati dovrebbero apparire in mezzo a istruzioni e dovrebbero essere circondati da parentesi. Formazione Nocera Umbra vedrà adesso i dettagli per capire tutte le possibilità:

true && true = true
true && false = false
false && true = false
false && false = false

Per l’operatore OR si hanno i seguenti casi:

true || true = true
true || false = true
false || true = true
false || false = false

Per l’operatore NOT sottolinea formazione Nocera Umbra esistono solo due possibilità:

!true = false
!false = true

Gli operatori logici valutano per prima cosa l’espressione su ciascun lato dell’ operatore logico e poi l’operatore logico. Per esempio l’istruizone (var 1= 17 &&var 1 <25) combina le due soluzioni per confrontare se la variabile é maggiore di 17 e minore di 25. S eil valore di var1 é pari a 18 il risultato dell’ espressione é true.

Vediamo come al solito degli esempi concreti per visualizzare i valori di ciascuna variabile.
<html>
<head>
</head>
<body>

daysOfMonth = 28;
if (daysOfMonth == 28 || daysOfMonth == 29)
month = “February”;
document.write(“Days of Month: ” + daysOfMonth + “
“);
document.write(“Month: ” + month + “
“);

</body>
</html>
<html>
<head>
</head>
<body>

daysOfMonth = 29;
Year = 2000;
if (daysOfMonth == 28 || daysOfMonth == 29)
month = “February”;
if (daysOfMonth == 29 && (Year % 4) == 0)
LeapYear = true;
document.write(“Days of Month: ” + daysOfMonth + “
“);
document.write(“Month: ” + month + “
“);
document.write(“Year: ” + Year + “
“);
document.write(“Leap Year: ” + LeapYear + “
“);

</body>
</html>

Annunci

Convertire un array in una stringa? Lo puoi fare con le indicazioni di Umbriaway Consulting

formazione umbriaCognizioni pratiche approccio visivo e padronanza completa per acquisire competenze professionali nell’ ambito del web marketing performanti: questa é la mission di Umbriaway Consulting Formazione! Gli array, sottolinea Formazione Umbria, possono essere grandi e contenere diversi tipi di dati. A volte potresti trovare comodo convertire un array in una stringa. L’oggetto array include un metodo che converte gli elementi di un array in una stringa. Questo metodo é Join(). Il metodo join() accetta una stringa come parametro. Questa stringa viene inserita tra ogni elemento separato dell’ array, il separatore di default é una virgola ma si può anche specificare un separatore diverso. Per esempio se avete un array di numeri che avete chiamato array1 l’istruzione str1=array.join(“”) posiziona uno spazio tra ogni elemento dell’ array (invece di una virgola). La variabile str1 conterrà quindi una stringa di numeri con uno spazio posto tra ogni elemento. Può essere difficile sostiene formazione Umbria effettuare delle ricerche per trovare specifici gruppi di dati all’ interno di un grande array. Un modo semplificato é quello di convertire l’array in una stringa e quindi utilizzare il metodo indexOf() per localizzare i dati specifici. Per esempio:

array1 = new Array(“1”, “2”, “3”, “4”, “5”);
str1 = array1.join(“”);
beginChair = str1.indexOf(“2”);

queste istruzioni dichiarano un array di elementi, convertono l’array di elementi in una stringa chiamata str1 e quindi uguagliano la variabile beginChair alla posizione della stringa dove inizia il valore “2”. Usando queste istruzioni potete localizzare gli elementi specifici all’ interno di un elemento. Dopo aver localizzato questi elementi, potete analizzare i dati usando altri metodi dell’ oggetto string che formazione Umbria prenderà in esame in una delle prossime sessioni di approfondimento. Come al solito vediamo degli esempi concreti.

Ecco un array convertito in stringa visualizzato con un separatore virgola.

<html>
<head>
</head>
<body>

array1 = new Array();
array1[0] = “bark”;
array1[1] = “apple”;
array1[2] = “nebula”;
array1[3] = “gregarious”;
array1[4] = “jumpy”;
array1[5] = “water”;
str1 = array1.join();
document.write(str1);

</body>
</html>

Ecco un array convertito in stringa visualizzato con un separatore spazi.

<html>
<head>
</head>
<body>

array1 = new Array();
array1[0] = “bark”;
array1[1] = “apple”;
array1[2] = “nebula”;
array1[3] = “gregarious”;
array1[4] = “jumpy”;
array1[5] = “water”;
str1 = array1.join(” “);
document.write(str1);

</body>
</html>

Web Design Nocera Umbra e Ajax: un esempio completo

web design nocera umbraRicordiamo noi di Umbriaway Consulting che Ajax non é l’ennesima nuova tecnologia ma solo un modo performante di utilizzare standard esistenti per inviare chiamate asincrone al server senza permettere il caricamento della pagina in blocco. In questo caso cliccando su ottieni l’ultima modifica dal server carpisco le informazioni che mi interessano da riversare sulla pagina marcata con un ID di identificazione, fa notare Umbriaway Consulting alias di web design Umbria

 

 

<!DOCTYPE html>

<html>
<head>

function loadXMLDoc(url)
{
var xmlhttp;
if (window.XMLHttpRequest)
{// code for IE7+, Firefox, Chrome, Opera, Safari
xmlhttp=new XMLHttpRequest();
}
else
{// code for IE6, IE5
xmlhttp=new ActiveXObject(“Microsoft.XMLHTTP”);
}
xmlhttp.onreadystatechange=function()
{
if (xmlhttp.readyState==4 && xmlhttp.status==200)
{
document.getElementById(‘p1’).innerHTML=”Last modified: ” + xmlhttp.getResponseHeader(‘Last-Modified’);
}
}
xmlhttp.open(“GET”,url,true);
xmlhttp.send();
}

</head>
<body>

<p id=”p1″>The getResponseHeader() function is used to return specific header information from a resource, like length, server-type, content-type, last-modified, etc.</p>
<button onclick=”loadXMLDoc(‘ajax_info.txt’)”>Get “Last-Modified” information</button>

</body>
</html>

 

Web devolper Castello di Colle: esempio Ajax

castello di colleCreare un semplice XMLHTTPRequest, e ricevere i dati da un file testo a cura di web devolper Castello di Colle alias Umbriaway Consulting. Nella prima fase la funzione seleziona i browser a seconda delle versioni per istanziare l’oggetto XMLHTTPRequest, poi con la proprietà onreadystatechange andiamo a monitorare la richiesta di stato per capire a che punto siamo della richiesta dopodiché il contenuto del file testo presente sul server verrà riversato sul contenuto DIV parziale alla pagina senza aspettare il reload dell’ intero HTML

 

 

<!DOCTYPE html>
<html>
<head>

function loadXMLDoc()
{
var xmlhttp;
if (window.XMLHttpRequest)
  {// code for IE7+, Firefox, Chrome, Opera, Safari
  xmlhttp=new XMLHttpRequest();
  }
else
  {// code for IE6, IE5
  xmlhttp=new ActiveXObject(“Microsoft.XMLHTTP”);
  }
xmlhttp.onreadystatechange=function()
  {
  if (xmlhttp.readyState==4 && xmlhttp.status==200)
    {
    document.getElementById(“myDiv”).innerHTML=xmlhttp.responseText;
    }
  }
xmlhttp.open(“GET”,”ajax_info.txt”,true);
xmlhttp.send();
}

</head>
<body>


</body>
</html>

A questo punto se questo esempio offerto da web developer Castello di Colle ti é piaciuto clicca like e condividi, see you later da Umbriaway Consulting. La pagina all’ interno del DIV restituirà il contenuto del file testo presente su server del tipo Ajax non é un linguaggio di programmazione ma solo una tecnica performante per effettuare richieste asincrone senza ostacolare il caricamento della singola pagina!

Umbriaway Formazione e l’oggetto typeof in JavaScript

castello di colleL’operatore typeof può essere applicato a un qualsiasi oggetto JavaScript in modo da verificarne il tipo (tale operazione consente di stabilire quali operazioni sono disponibili su di esso), applicato a una stringa mi verrà restituito il tipo di dato stringa, applicato a un numero mi verrà restituito number a un operatore booleano true mi verrà segnalato appunto booleano. Vediamo con Umbriaway Formazione alcuni esempi concreti:

 

 

 

typeof “la casa delle streghe”
restituisce “string”

typeof true
restituisce “boolean”

typeof 54
restituisce “number”

typeof document.ultimaModifica
restituisce “string”

typeof Math
restituisce “function”

typeof nomeVariabile
restiuisce tipo variabile

Web deisgner Umbria e i loop In JavaScript

colle di nocera umbraI loop o le esecuzioni cicliche afferma web designer Umbria, sono costrutti di programmazione relativamente comuni il cui scopo é quello di ripetere una determinata operazione per molte volte, nel modo piùà compatto possibile. Secondo Umbriaway Consulting Formazione ma non solo JavaScript prevede due tipi di loop: for e while. Tra l’altro per migliorare loperatività di questi cicli é previsto anche l’uso di specifiche parole chiave. Ad esempio con break che é una di queste parole chiave posso utilizzare all’ interno del loop una specie di stop che bloccherà l’interprete JS per ricominiciare dall’ inizio la parserizzazione se cos’ web design Umbria può osare di dire in maniera petulosa rivendicando attenzione da parte dell’ accademia della crusca.

for (var i = 1; i <= 20; i++) {
….
if (i == 13) { // arriva solo fino a 12
break
}
document.writeln(i)
}
il risultato ottenuto sarà: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

continue: parola chiave

Nei loop for, for….in e while si può usare anche la parola chiave continue sentenzia web design Umbria. Quando l’interprete incontra questa parola magica ritornerà all’ inizio del loop per ripeterlo, per esempio:

for (var i = 1; i <= 20; i++) {
if (i == 13) { // superstizioso il 13 non lo stampa!
Continue
}
document.writeln(i)
}

genera il seguente codice: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 14 15 16 17 18 19 20

il risultato generato da continue come fa notare web design Umbria, non ha previsto la stampa a video del numero tredici anche se l’esecuzione ciclica ha continuato la propria operatività stampando i numeri dal 14 al 20, mentre precedentemente breack tagliava l’esecuzione del loop fino a 12. La parola chiave continue potrebbe essere utile per la gestione delle eccezioni alla regola, per esempio si potrebbero elencare tutte le voci di un gruppo di elementi saltando quelle non rilevanti. In una delle prossime sessioni di allenamento tenute da Umbriaway Consulting Formazione alias web design Umbria analizzeremo nel profondo un ciclo for.

Le risposte di Ajax a cura di web developer Spello

colle di nocera umbra

In questa sessione di training per l’aspirante web developer Spello facciamo un rapido riassunto di quanto già visto per Ajax sui portali Umbriaway Consulting. Abbiamo visto che presupposto vitale per un corretto funzionamento di una architettura client server é quello di una domanda che riceve in cambio una risposta, una request che ottiene in cambio una response. Questo per Ajax avviene in maniera asincrona, abbiamo già illustrato questo principio più volte sui portali di Umbriaway Consulting, ossia la capacità di Ajax di elaborare dei dati parzialmente in porzioni di pagina senza obbligare al completamento totale della pagina che nel frattempo può fare altro. Abbiamo visto anche che nella request Ajax dispone di metodi performanti come OPEN e SEND dove per il metodo OPEN é fondamentale impostare la modalità di scambio dati su true come terzo argomento. Adesso web developer Spello cerca di rispondere alla domanda: ma come viene gestita la risposta la RESPONSE in Ajax? Niente di più semplice perchè l’oggetto cardine XMLHHTPRequest ha delle proprietà salvifiche:

var response = xmlHttpRequest.responseText;

Intuitivamente possiamo inquadrare anche a che cosa serve questa istruzione, ossia a restituire qualcosa, in questo caso testo, quando non abbiamo a che fare con XML. Per XML esiste una proprietà specifica notifica web developer Spello:

var xmlDoc = xmlHttpRequest.responseXML;

In uno dei prossimi post prenderemo in considerazione un argomento interessantissimo per il comparto tecnico di Umbriaway Consulting: il delicato tema di AJAX in relazione agli eventi!