Event “CSP Inverno 2018/2019 – Girone 37”: Faraoni Enrico vs Mladamar, C36, miniatura detta l’immortale condominiale

[Site “Chess.com”]
[Date “2019.01.06”]
[White “enricof8”]
[Black “mlamdmar”]
[Result “1-0”]
[ECO “C36”]
[EndDate “2019.01.08”]

1.e4 e5 2.f4 d5 3.exd5 exf4 4.Nf3

C36: King’s Gambit Accepted: Modern Defense

4..Qxd5 5.Nc3 il nero a questo punto deve scegliere le sorti del suo destino

5..Qd8?!

(+0.13 → +0.74) Inaccuracy. A better move was 5… Qe6+ a cui segue 6 Rf2! Al bianco certamente non dispiace rivedere tornare un pezzo avversario sulla casa di partenza se vi é un motivo scientifico conosciuto come sviluppo dei pezzi un motivo ci sarà, anche se é pur vero che andare troppo in giro a volte potrebbe essere controproducente

6.d4 g5

(+0.79 → +2.36) Inaccuracy. A better move was 6… Bd6 7.Bc4 h6 8.Ne2 g5 9.h4 g4 10.Ne5 Bxe5 11.dxe5

7.Bc4 Be6?

Una novità teorica antiposizionale la teoria riconosce 7..Ag7 e 7..De7

8.Bxe6

Il Bianco può anche giocare 8 d5 seguita da De2+ per avere un vantaggio, ma la mossa del testo evidenzia la debolezza della diagonale e8-h5 oltre a lasciare una brutta debolezza in e6

8..fxe6 9.O-O

meglio l’energica 9 h4!

9..Nc6 10.Re1

(+2.37 → +1.14) Inaccuracy. A better move was 10. d5 exd5 11 De1! con attacco, l’idea è quella di andare in c3 con la donna

10…Qf6?

(+1.02 → +3.45) Mistake. The best move was 10… g4 a cui il bianco potrebbe seguire 11.Bxf4 con l’idea di sacrificare una torre con 11..gf3 12 Te6! Rf7 13 Df3 Re6 14 d5 e forte attacco, sembrerebbe meglio quindi 10 ..Rf7! con sostanziale equilibrio o squilibrio che dir si voglia

11.Nd5 chiaro vantaggio bianco

11..Qh6?

il bianco muove e vince con una architettura alla Renzo Piano

(+4.34 → +10.22) Mistake. The best move was 11… Qd8 12.Rxe6+ Rd7 (12..Rf7 13 Txc6! Dd5 14 Tc7+ con attacco; in questa variante anche 13 Cc7 con l’idea Cg5 é giocabile ma meno incisiva) 13 De2 con attacco

12.Rxe6+ e a seguire il doppio di cavallo in c7

1-0

Ma é vero che Karpov tatticamente non era predisposto ah ah? Certo quasi come dire che le stringhe in Python non possono essere manipolate!

Le stringhe in Python rispondono agli stessi requisiti delle stringhe negli altri linguggia di programmazione e sono anche contemplati metodi per prendere i contenuti delle stringhe e copiarli altrove fermo restando che l’unicità delle stringhe rimane invariata. A ben guardare tutta quella questione degli apici e doppi apici come per PHP esistono anche qui. Da sottolineare che il solo / (slesh) rompe la lunghezza della stringa da prompt della shell, mentre esistono anche qui dei backslesh che hanno determinate funzioni come l’andare a campo ad esempio con /n o le tabulazioni con /t o anche rendere visibili gli slesh e le virgolette anticipando come sempre lo slesh/. Ad esempio se volessi mostrare un apice dentro una stringa senza generare un errore posso scrivere /’. Anche qui é valido il pricipio di immutabilità della stringa che é una istanza dell’ oggetto Type = str. Con il formato LITERAL usato da PYthon abbiamo un riconoscimento automatico di quelle che sono le caratteristiche dell’ oggetto, ossia se stiamo parlando di un intero, di una lista (array per gli altri linguaggi) o semplicemente di una stringa. E adesso cerchiamo di districare la matassa su Karpov. Che poi no ce stanno questi luoghi comuni per cui uno pensa ma Karpov era scarso tatticamente ah ah ad esempio prendiamo in esame questa partita: http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1067903 il nero voleva attaccare e ancora voleva attaccare e ancora voleva attaccare e invece il bianco che fa costringe il nero ad attaccarsi al tram con una dominazione che ricorda proprio il Python linguaggio di programmazione che stiamo osservando in questo periodo! Eppure Karpov tatticamente ha sempre creato delle gemme pregiate vedere ad esempio la http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068016 o ancora http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068373 e pure la http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1066997. Etichette e luoghi comuni non reggono, Karpov é solo un automatismo che inietta il veleno e aspetta che faccia effetto perché diciamocelo chiaramente anche le compagne che lo hanno affiancato nella sua vita quando lo seguivano nelle competizioni e studiavano il suo volto non riuscivano a scorgere nessunissima emozione tale da indurle da indovinare la mossa che sarebbe comparsa sulla scacchiera. E quindi muovi pennello e spingi pennello, che ci dobbiamo allenare come Karate Kid?! Cioé che dobbiamo metterci davanti allo specchio e svuotarci del sentire empaticamente per essere dei terminator disumanizzati? Che poi dobbiamo andare in palestra e dire al coach di metterci 150 kg per braccio che se ci cade tutto addosso mica ci mettiamo a gridare ma siamo dei veri giocatori da torneo quando rialzandoci dopo che ci hanno tolto i ferri diciamo a tutti non é successo niente, non é successo niente? Con Karpov che tu usi un martello piuttosto che un trapano punta venti mica si mette a differenziare le reazioni quello somatizza tutto senza dire niente ma quando hai finito di manovrare poi tocca a lui muovere! E queste partite lo dimostrano, tutti i suoi avversari lottano, si dibattono, attaccano e riattaccano ma poi alla fine sintetizzando tipo Nori si chiama proprio Francesca questo romanzo nel senso che tutti poi si attaccano al tram! Ma andiamo per gradi, nella partita Anatoly Karpov vs Dragoljub Velimirovic Vidmar Memorial (1975), Portoroz/Ljubljana, rd 10, Jun-14 Sicilian Defense: Dragon Variation. Yugoslav Attack (B78) il bianco attacca a testa bassa come un toro infuriato ma il bianco non si scompone mai di un mm, alla fine del nero dopo la consueta tecnica posizionale pythoniana non rimane niente! La partita Anatoly Karpov vs Angel Martin Gonzalez Las Palmas (1977), Las Palmas ESP, rd 10, Sicilian Defense: Dragon. Classical Variation General (B72) é invece un capolavoro didattico da far vedere a Coverciano perché il bianco prima apparecchia la tavola e poi sfonda con la mossa tattica Alfiere prende f6!! E della mossa 25 nella Anatoly Karpov vs Robert Huebner “Doctored Robert” (game of the day May-13-2017) Interpolis 6th (1982), Tilburg NED, rd 1, Sep-30 Caro-Kann Defense: Classical Variation. Main lines (B19) ne vogliamo parlare? E’ tipico di Karpov non permettere all’ avversario nessuna modalità di gioco attivo. E i processi decisionali nella Anatoly Karpov vs Gyula Sax “Sacs Sacks Sax” (game of the day Feb-19-2010) Linares 4th (1983), Linares ESP, rd 3, Feb-14 Sicilian Defense: Scheveningen Variation. Keres Attack (B81) ovvero come il bianco riesce ad attaccare con incisività grazie a un sacrificio posizionale di qualità finalizzato al controllo delle case chiare? Insomma prima di scrivere che Karpov non era un giocatore completo e che sapeva solo vincere i finali e che non sapeva produrre belle combinazioni e che sapeva solo strangolare e che sapeva solo giocare sulla testa degli avversari etc etc addà passà la nuttata! Le partite di Karpov parlano da sole http://www.chessgames.com/perl/chesscollection?cid=1035030 e vanno studiate e riprodotte sulla scacchiera per imparare tutti i fondamentali della tattica e della strategia!

Quante ne sai di wordpress? E per vincere contro Polugaevsky cosa bisogna fare?

agenzia web marketingIntanto comprati la macchina del tempo, passa in Fiat e chiedi lumi. Poi vai su http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1092096 dove si materializza la game Lev Polugaevsky vs Ljubomir Ljubojevic Linares 5th (1985), Linares ESP, rd 2, Mar-09 Queen’s Indian Defense: Kasparov Variation (E12) vinta alla mossa 42 dal nero. In questa partita il bianco che non ha propriamente l’indole di un terrosita accetta i giochi provocatori di Ljubo che quel giorno aveva voglia di metterla in caciara e di creare risse tattiche. Dopo un mediogioco dove non si capisce nulal la partita sembra confluire in una fase altrettanto complessa caratterizzata da enormi squilibri di materiale da chiarire. Il tutto si chiarisce però alla mossa 42 per un finale drammatico! E ora veniamo a noi caro wordpress, innanzitutto ti devo installare in locale o via FTP (file transfert protocol) da qualche parte? Iniziamo a vedere in locale. Per installare wordpress si va su https://wordpress.org/download/ e si procede allo scarico. Uno dei file critici del pacchetto é il famoso wp-config.php che predispone tutti i parametri per la connessione al database ma anche il settaggio di alcuni parametri tipo il tempo di intervallo di salvataggio da dedicare ai nostri post che agenzia web marketingsi esplica con l’istruzione: define(‘AUTOSAVE_INTERVAL’, ‘300’); in questo modo attivo l’autosalvataggio ogni tot tempo, un’ altra opzione che posso usare é quella della gestione della memoria per cui se imposto a define(‘WP_MEMORY_LIMIT’,’64M’); non dovrei avere problemi. Digitando wp config option troverò in rete nel codex tutti i parametri di configurazione che si possono usare all’ interno del file sensibile wp-config.php indirizzo https://codex.wordpress.org/Editing_wp-config.php. Se siamo in locale avviamo MANP (linux) o XAMPP for windows per aprire sul browser il famoso localhost. Posizionare il sito wordpress dentro a HTDOCS dopo la decompressione. Ora che ci sono i contenuti dobbiamo creare la connessione database. Se sono in locale prima di completare l’autocomposizione iniziale dove vengono richiesti i parametri posso anche creare un database specifico prima con phpadmin. Di solito le impostazioni di default richieste sono quelle canoniche di MAMP o XAMPP cioé localhost come server (HOST), root come user e pwd bianca con il nome del DB come suggerito prima. Nella schermata successiva vengono richiesti un titolo per il nostro blog, il nome utente e una pwd da usare per connettersi al pannello di controllo per gestire il ns blog wordpress. Per la password inserire delle password forti sicure. E approfondire il back-end no? Ma quali sono le configurazioni di default e i contenuti offerti standard dopo l’installazione di wordpress e come posso configurare i servizi minimo vitali? Le risposte non sono dentro di te come dice qualche maestro zen condominiale, ma ti verranno fornite da Umbriaway Consulting!

Agenzia web marketing e le fondamenta di JQuery

Un giocatore posizionale può sviluppare grandi complicazioni tattiche? Analizziamo per esempio la partita Anatoly Karpov vs Murray Chandler Phillips & Drew GLC Kings (1984), London ENG, rd 2, Apr-27 Tarrasch Defense: Classical Variation (D34) finita 1-0. Apertura del nero molto rischiosa usata ai tempi occasionalmente anche da Kasparov in cui il pedone isolato in d5 si rende spesso artefice di sviluppi di gioco estremamente dinamici. Indirizzo internet: http://wagenzia web marketingww.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1068407. Spesso le funzioni neorologiche del cervello finiscono per assegnare con dei luoghi comuni dei contenitori logici per cui un giocatore posizionale dioventa seppure eccelso nel suo settore fatto di lunghe manovre un brozzo pazzesco tatticamente parlando. Non é così perché dopo 20 Tc6 il cervello deve analizzare con cura e molta attenzione un ginepraio di varianti complesso. Liquidata questa parte in cui da spettatori non possiamo fare altro che ammirare la maestria dell’ ex campione del mondo e da appassionati sostenitori di agenzia web marketing estrapolarla per farne tesoro, ci accingiamo a rivedere i fondamenti di JQuery. jQuery è una libreria JavaScript veloce, piccola e ricca di funzionalità. Rende molto più semplici le cose come il traversamento e la manipolazione dei documenti HTML, la gestione degli eventi e l’animazione. Tutta la potenza di jQuery è accessibile tramite JavaScript, quindi avere una forte conoscenza di JavaScript è essenziale per comprendere, strutturare e eseguire il debug del codice. Innanzitutto, diamo un’occhiata a un esempio di manipolazione HTML con JavaScript. Per ottenere l’elemento con id = “start” e cambiare il suo html in “Go”, dovremo fare quanto segue:

var el = document.getElementById(“start”);
el.innerHTML = “Go”;

Per fare la stessa manipolazione con jQuery, abbiamo bisogno solo di una singola riga di codice:

$(“#start”).html(“Go”);

Come puoi vedere, il codice è molto più breve e più facile da capire. Un altro grande vantaggio di jQuery è che non devi preoccuparti del supporto del browser, il tuo codice funzionerà esattamente nello stesso modo in tutti i principali browser, incluso Internet Explorer 6!

Puoi scaricare una copia della libreria jQuery da http://www.jquery.com oppure, in alternativa, puoi includerla da una rete di distribuzione di contenuti (CDN), come Google o Microsoft.
Useremo il CDN dal sito web ufficiale di jQuery. Per iniziare a usare jQuery, dobbiamo prima aggiungerlo alla testa del nostro documento HTML usando il tag script:

<!DOCTYPE html>
<html>
<head>
<title>Page Title</title>
https://code.jquery.com/jquery-3.1.1.js
</head>
<body>
</body>
</html>

jQuery è una libreria JavaScript, quindi ha l’estensione del file .js. È una buona pratica aspettare che il documento HTML sia completamente caricato e pronto prima di utilizzarlo. Per questo usiamo l’evento ready dell’oggetto documento:

$(document).ready(function() {
// jQuery code goes here
});

$ È usato per accedere a jQuery. Da qui, il codice accede all’oggetto del documento e definisce una funzione da chiamare quando viene attivato l’evento pronto del documento. Ciò impedisce l’esecuzione di qualsiasi codice jQuery prima del caricamento del documento. Dato che il codice sopra è usato in quasi tutti i casi quando si usa jQuery, c’è una comoda scorciatoia per scriverlo:

$(function() {
// jQuery code goes here
});

Ora, avendo la libreria jQuery nella nostra sezione principale e avendo definito l’evento pronto per il documento, possiamo iniziare la nostra prima manipolazione di jQuery! Cambiamo il contenuto dell’elemento div.

<!DOCTYPE html>
<html>
<head>
<title>Page Title</title>
https://code.jquery.com/jquery-3.1.1.js
</head>
<body>

Start


</body>
</html>

il file JS:

$(function() {
$(“#start”).html(“Go!”);
});

Questo cambia l’HTML dell’elemento con id = “start” su “Go!”.

jQuery è usato per selezionare (interrogare) elementi HTML ed eseguire “azioni” su di essi. La sintassi di base è: $ (“selettore”). Action ()

– $ accesses jQuery.
– Il (selettore) trova elementi HTML.
– L’azione () viene quindi eseguita sugli elementi.

Per esempio:

$(“p”).hide() // hides all <p> elements
$(“.demo”).hide() // hides all elements with class=”demo”
$(“#demo”).hide() // hides the element with id=”demo”

Riguardiamo il codice di un esempio precedente:

$(“#start”).html(“Go!”);

Questo seleziona l’elemento con id = “start” e chiama il metodo html () per esso. Il metodo html () viene utilizzato per modificare il contenuto HTML di un elemento. Se hai già usato CSS in precedenza, noterai che jQuery usa la sintassi CSS per selezionare gli elementi. Diamo un’occhiata a tutti i selettori jQuery che iniziano con il simbolo del dollaro e le parentesi: $ (). Il selettore di base è il selettore di elementi, che seleziona tutti gli elementi in base al nome dell’elemento.

$(“div”) // selects all <div> elements

Poi ci sono i selettori id e class, che selezionano gli elementi in base al loro id e nome della classe:

$(“#test”) // select the element with the id=”test”
$(“.menu”) //selects all elements with class=”menu”

È inoltre possibile utilizzare la seguente sintassi per i selettori:

$(“div.menu”) // all <div> elements with class=”menu”

$(“p:first”) // the first <p> element

$(“h1, p”) // all <h1> and all <p> elements

$(“div p”) // all <p> elements that are descendants of a <div> element

$(“*”) // all elements of the DOM

I selettori rendono l’accesso agli elementi HTML DOM facili rispetto al puro JavaScript. In una delle prossime sessioni di allenamento con agenzia web marketing torneremo ad affondare il bisturi dulle potenzialità di JQuery e sulle mirabolanti funzioni semplificate di cui dispone come figlio agile e snello di Javascript.

Web marketing Umbria e i dialetti javascript a supporto del framework Node

web marketing UmbriaDella partita leggendaria segnalata da web marketing Umbria all’ indirizzo http://www.chessgames.com/perl/chessgame?gid=1070074 di Garry Kasparov vs Lajos Portisch “Very Garry” (game of the day Aug-17-2017) Niksic (1983), Niksic YUG, rd 4, Aug-28 Queen’s Indian Defense: Kasparov-Petrosian Variation. Petrosian Attack (E12) finita ovviamente 1 a 0 verrebbe da chiedersi se a quei tempi era consentito l’uso dei computer portatili in sala torneo dal momento che una mossa come 21 Ag7 non sembra normale nella sua esplosione tattica. Portish poi non era nemmeno l’ultimo arrivato tanto é che alla mossa 28 il bianco deve giocare uno scacco su casa h8 per evitare una bedìffarda trappola dovuta alla variante 28 Td3 Dc5 x f2!! La partita vinse il miglior premio dell’ informatore 36 con una marea di dieci assegnati dai suoi competitors e con un solo irrispettoso 8 di Gligoric e due miserevoli 9 di Miles e Petrosjan su un totale di nove voti complessivi. A vederla oggi questa partita verrebbe da dire che ci va una certa sensibilità a osservare dettagli quasi invisibili del tipo un cavallo su casa a5 completamente estraneo dalla lotta e ciò consente una valutazione dinamica della posizione anche se il bianco in cambio dei due pezzi minori ottiene un corrispettivo alla fine equivalente di torre e pedone. Fortunatamentre per Kasparov ai tempi i software non rappresentavano nessuna minaccia per l’agonismo e nel 1983 non era lontanamente pensabile di vedere mosse fantastiche sulla scacchiera materializzate grazie a occulti algoritmi. Tornando al nostro NODE diamo ancora un occhiata alla parte di ripasso EcmaScript sei che tradotto sarebbe javascript lato server. La sintassi é abbastanza intweb marketing Umbriauitiva e non risulta essere per lo studioso trascendentale semmai dovrebbe essere di facile comprensione e intuitivamente applicabile. Tornando a Bomba con l’articolo riassuntivo su NODE presente all’ indirizzo di UmbriaWayPotenzia  facciamo una serie di considerazioni finali sul dialetto javascript utilizzato, in particolare della sostituzione effettuata sulla parola chiave con LET o CONST, sono due nomi identificativi della natura della variabile, ad esempio se utilizzo CANE per definire il mio animale preferito é palese che il valore della variabile non cambierà e quindi va bene const facilmente verificabile andando a stampare con il metodo console.log un valore modificato di quella costante come const animale = gatto dopo const animale = cane dove andrei a generare un errore, mentre LET prende le veci in NODE di VAR come dialetto usato nel framework. E il template string? Serve per facilitare le concatenazioni. Ad esempio la scorbutica sintassi console.log(“Il corso ” + titolo + ” ha il costo di: ” + prezzo + ” € ed è erogato in modalità: ” + modalita); che si presta a grane di formattazione diventa con la sintassi ad apice inverso o backtick quindi console.log(` Il corso ${titolo} ha il costo di: ${prezzo}€ ed è erogato in modalita ${modalita}. `); e questo é l’uso del template string ad apice inverso dove la stringa é delimitata da un solo blocco di apici rispetto all’ istruzione precedente. A questo punto vediamo le funzioni a freccia per velocizzare la stesura del nostro codice. Il carattere backtick ` è sempre più popolare, è usato nei Markdown per includere del codice e nelle nuove template strings di Typescript e si genera sulla tastiera windows con ALT+0096 e l’espressione const studente = function(nome , cognome){ si può velocizzare con la sintassi privata del function const studente = (nome , cognome) =>{ che ottimizza il tutto. Un occhiata alla PROMISE, come si crea? Quale é il suo specifico funzionamento? Come avviene il controllo sugli stati della promessa? Il Pending? Il Resolve? Lo stato di rigetto? Quando la promessa non può essere mantenuta? Il catch come mostrato in figura fa il controllo sugli stati della funzione: .catch((reject)=>{ reject = ‘qualcosa non va?’; document.write(reject); }) dove resolve e reject sono parole che decidiamo noi a livello di comprensione nella stesura del codice. Grafica royalty free prelevata dal funzionale sito https://unsplash.com/